La storia di Gimp

Il progetto nasce nel 1995 da Spencer Kimball e Peter Mattis ed è attualmente sostenuto e portato avanti da volontari. Essendo un programma rilasciato sotto la licenza Gpl (progetto per la produzione di software libero) ha codice libero e quindi la possibilità che chiunque con conoscenza informatica lo possa modificare e migliorare, per sé e per il bene di tutti.

Kimball e Mattis sviluppano inizialmente il progetto come tesina semestrale per un corso all'Università della California, Berkeley, nel 1995. Sono entrambi membri del Computing Facility, associazione studentesca a Berkeley.

Il 29 luglio 1995 Peter Mattis posta un messaggio in vari forum chiedendo informazioni e suggerimenti su un certo "graphical image manipulation program" simile a Photoshop, domandando quali strumenti dovesse possedere e quali formati supportare.

Solo quattro mesi più tardi, il 21 novembre 1995, Mattis presenta al mondo, in collaborazione con Spencer Kimball, la prima beta release di The GIMP, un programma di manipolazione grafica con supporto a diversi formati di file e funzionalità avanzate, come 5 tipi diversi di selezioni, varie forme di trasformazione e strumenti di disegno. Inoltre sono presenti i primi filtri basilari.

In seguito al rilascio della versione 0.54 nasce una mailing list per gli sviluppatori, creata da Peter e Spencer per ricevere feedback sul proprio lavoro. Non tutte le domande però sono appropriate per essere rivolte a loro, che si intendono più di puntatori e matrici che di immagini. Per questo la lista originale viene divisa in due parti, una per gli utenti e una per gli sviluppatori.

Alcuni utenti, come Zach Beane (Xach) e Federico Mena Quintero (Quartic) creano pagine web dove si raccolgono guide, tutorial e plug-in per il programma e contribuiscono in questo modo alla diffusione di Gimp. Larry Ewing poi gli da ancora maggior risalto usandolo per creare il suo famoso pinguino Tux, diventato simbolo di Linux.

Viene deciso di abbandonare l'uso che si era fatto fino a quel momento delle librerie grafiche Motif. Peter crea le sue librerie, chiamandole Gtk (Gimp Toolkit) e Gdk (Gimp Drawing Kit). Il nome del software viene cambiato da General Image Manipulation Program a Gnu Image Manipulation Program.

La versione 0.6 del programma è molto sperimentale e incompleta, viene cambiata la tecnologia alla base dei plug-in e si rivela molto meno usabile della 0.54: sono infatti frequenti bug e crash. Tutte le grandi modifiche pensate, i livelli, gli script e i tool di trasformazione non riescono a compensare le carenze tecniche rispetto alla versione precedente, che gli utenti continuano ad usare.

Il 26 febbraio 1997 viene rilasciata la versione 0.99 ed insieme ad essa la nuova libreria grafica, nata dalla fusione di Gtk e Gdk: Gtk+! Successive versioni del programma vennero pubblicate da Kimball e Mattis, fino alla 0.99.10 del 9 giugno 1997. Questa sarà la loro ultima versione. Infatti, avendo conseguito la laurea e trovato un posto di lavoro, decidono di abbandonare lo sviluppo in modo silenzioso. Le versioni successive vengono coordinate da un gruppo di volontari, tra i quali spicca Federico Mena Quintero.

Fonti ed approfondimenti

 
 
Web hosting generosamente offerto da Fabrizio Balliano